Villa Lori Olivieri

La Villa Lori Olivieri, nella frazione Colle del comune di Fiuminata, è di proprietà della famiglia Olivieri dalla seconda metà del 1800. Per oltre un secolo ha ospitato un’importante azienda silvo-pastorale condotta prima da Angelo Olivieri e poi a partire dal 1920 dal figlio Filemone, il Sor Filò, come veniva chiamato da tutti e dall’affascinante figura di sua moglie Teresa Ciofi degli Atti.

Attorno alla Villa Lori Olivieri vivevano sino a cinquant’anni fa numerose famiglie di coloni che contribuivano con il loro lavoro al successo di quest’azienda, che da settembre a maggio chiudeva i suoi battenti nelle Marche per continuare l’attività con un clima invernale più mite nella Maremma Laziale, dopo una transumanza che durava poco più di una settimana.  L’azienda possedeva vasti terreni tra Civitavecchia e Santa Marinella dove si producevano grandi quantità di formaggio pecorino e carne di pecora che venivano vendute non solo a Roma, ma in tutta Italia e all’estero. Grandi forme di pecorino partivano in nave per l’America. In Maremma il Sor Filò allevava anche cavalli e vacche. In famiglia si racconta che i butteri maremmani dell’azienda Olivieri alla fine dell’Ottocento sfidarono in rodeo Buffalo Bill durante un suo viaggio in Italia

Con la morte nel 1978 del Sor Filò tramonta la grande stagione produttiva dell’azienda che da quasi un secolo si reggeva grazie all’instancabile attività dei suoi conduttori ma anche basandosi su condizioni sociali ed economiche ormai non più possibili in tempi moderni. Finché nel 1994 Rosa Olivieri, figlia di Filemone, decide di contrastare la crisi dell’attività agricola dell’azienda, trasformando le numerose case coloniche in agriturismo con sette confortevoli stanze,  avendo cura di conservare la ruralità che tuttora contraddistingue il borgo. Nella sala al piano terra dell’antica torre risalente al XII secolo,  venne aperto un piccolo ristorante negli anni sempre più apprezzato, in cui Rosa preparava con passione pasti semplici e tradizionali. 

Nel 2015 l’accoglienza di ospiti e commensali viene sospesa a causa dell’età sempre più avanzata di Rosa, la coraggiosa titolare che per due volte nell’arco di un ventennio ha dovuto fare i conti con i terremoti che hanno colpito l’Appennino tra Marche e Umbria. Così legata era alla sua bellissima dimora, che dopo il terremoto del 1997, non potendo rientrare in casa, si sistemò in macchina per giorni e giorni in compagnia della sua cagnetta Raissa, senza curarsi del freddo e del disagio pur di tenerla sotto controllo.

Adesso il testimone passa alla quarta generazione: dopo il Sor Filò (figlio del capostipite Angelo Olivieri) e la signora Rosa tocca a sua figlia Teresa, attrice teatrale che con il marito Alessandro, giornalista e documentarista, sta lavorando ad una seconda rinascita della frazione Colle e della Villa Lori Olivieri. L’obbiettivo è quello di continuare a lasciare intatto lo spirito operoso che ha sempre contraddistinto questa località, riaprendo all’ospitalità per chi ricerca i valori autentici delle nostre aree interne. Con l’impegno di non trasformare il borgo e la villa in un albergo di charme per turisti benestanti, ma puntando tutto sulla ricerca culturale e artistica, sulla riscoperta delle risorse culturali e naturali di cui è dotato il luogo, perseguiremo il sogno di ricostruire attorno a questo complesso rurale un senso di comunità.

Non perdeteci di vista perché, nonostante il Covid e i lavori di ricostruzione della Villa danneggiata dal terremoto del 2016 che ancora non sono partiti, stiamo progettando l’accoglienza nelle stanze dell’agriturismo per ospiti amanti della natura e artisti che potranno lavorare in ambienti progettati ad hoc dallo studio C28 di Fabriano già a partire dalla prossima estate.